Contenuto Principale
Slideshow Image 1
Slideshow Image 2
Slideshow Image 3
L'Indipendente
Partito Democratico, veleno su Lucci PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 23 Aprile 2014 18:06
Share on Facebook

 

 

Il segretario comunale Piroli al vetriolo contro il Sindaco: “Prende tutto sul personale quando qualcuno non la pensa come lui”

 

SABAUDIA, 23 APRILE 2014 – I duri affondi dei giorni scorsi del Primo Cittadino Maurizio Lucci nei confronti del segretario comunale del Partito Democratico, Pietro Piroli (nella foto) hanno scatenato, quest'oggi, la veemente reazione di quest'ultimo il quale, anche a nome del suo partito, ha risposto punto su punto alle accuse del Sindaco.

 

In premessa, Piroli ha voluto rilasciare queste dichiarazioni per chiudere “l'ennesima, stucchevole querelle” che contrappone il PD all'Amministrazione, sottolineando come Lucci “sia solito prendere tutto sul personale quando qualcuno non la pensa come lui”. Parole di fuoco, con le quali Piroli ha gettato ulteriore benzina sul fuoco delle polemiche: “Il mancato riconoscimento ai Sindaci scomparsi è stato ricordato al Sindaco per la prima volta dal capogruppo di Forza Italia, Giovanni Secci, nel Consiglio comunale del 16 aprile, ed ha ricevuto in cambio il silenzio tombale da parte di Lucci. Successivamente, è stato ripreso dall'ex capogruppo PDL, Gianpiero Fogli, il quale ha rincarato la dose accusandolo di aver cancellato una parte della storia di Sabaudia. E soltanto a questo punto Lucci è diventato prolisso, verso il PD, il quale ha la sola 'colpa' di condividere la sostanza degli interventi dei due politici e di molti cittadini, accusandoci di aver criticato i festeggiamenti per gli 80 anni della città. Sfidiamo Lucci a trovare una sola parola di dissenso, o di abiura, verso la manifestazione, da parte del Partito Democratico, a partire dal segretario nazionale per finire con l'ultimo dei simpatizzanti”.

comments
Leggi tutto...
 
Lucci affonda Piroli: “Prima di parlare, bisogna conoscere l'attività amministrativa” PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 22 Aprile 2014 13:38
Share on Facebook

 

 

Piccata replica del Sindaco alle richieste del segretario comunale del PD

 

di Daniele Triolo

 

SABAUDIA, 22 APRILE 2014 – Quest'oggi piccata e pesante invettiva del Sindaco Maurizio Lucci (nella foto) nei confronti del segretario comunale del Partito Democratico, Pietro Piroli. Precisando in principio di non essere mai stato alleato del PD, e facendo intendere a chiare lettere di reputarlo più vicino alle posizioni del Popolo della Libertà piuttosto che a quelle del suo partito, Lucci ha dichiarato di non capire cosa Piroli voglia conoscere da lui in merito la situazione della ditta Sangalli. “Non sono io il Presidente della Commissione Vigilanza – ha spiegato il Primo Cittadino -. Anzi quest'ultima spetta di diritto alla minoranza. Quindi farebbe bene a domandare ad altri, con tutto il rispetto per l'attuale Presidente. I membri della Commissione Vigilanza sono i capigruppo dei partiti che siedono in Consiglio comunale ed io non sono il Capogruppo del Nuovo CentroDestra. Quindi, siccome gli atti sono pubblici – ha insistito Lucci -, Piroli, non essendo in Consiglio Comunale e non avendo nessun rappresentante, perché così hanno deciso i cittadini, come loro, può fare richiesta di accesso agli atti e studiarseli, se ci riesce. Ad oggi non mi sembra che presso gli uffici ci sia una tale richiesta. Infine, se lo scopo di Piroli sia quello di insinuare chissà cosa, deve sapere che farebbe bene a rivolgersi a chi era delegato all'Ambiente all'epoca dalla gara d'appalto e dovrebbe altrettanto sapere che la politica dà gli indirizzi e gli uffici espletano le formalità burocratiche”. La conclusione del Sindaco è intrisa di di polemica: “Prima di intraprendere qualsiasi strada bisognerebbe conoscerla, vale a dire che prima di addentrarsi nell'attività amministrativa bisognerebbe conoscerne il funzionamento. Purtroppo, è un percorso un po' lungo e non si impara in quattro mesi di segretariato di un qualsiasi partito. Ci sono esempi che raccontano di persone per le quali, pur avendo ricoperto il ruolo di consigliere comunale per molto tempo, ad oggi il funzionamento dell'Amministrazione rimanga tabula rasa”.

comments
 
Ricerca / Colonna destra

Cerca articoli

Banner
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi475
mod_vvisit_counterIeri2728
mod_vvisit_counterQuesta settimana12990
mod_vvisit_counterUltima settimana38300
mod_vvisit_counterQuesto mese210947
mod_vvisit_counterUltimo mese123355
mod_vvisit_counterVisite Totali3185622

We have: 23 guests, 17 bots online
Your IP: 146.247.137.81
Firefox 3.0.5, Linux
Today: Apr 24, 2014